inagra produzione zucchero
produzione zucchero
zucchero di canna

 

Lo zucchero è oggi il dolcificante alimentare più diffuso e comune, ma in tempi non troppo lontani, in epoca napoleonica, è stato al centro di grandi battaglie merceologiche. Tutto lo zucchero consumato allora in Europa veniva da colonie spagnole, francesi o britanniche ed era ottenuto dalla canna, una pianta che nasce nei climi tropicali. Negli scontri fra Francia e Inghilterra gli inglesi decisero di colpire economicamente l'Europa dominata da Napoleone impedendo, con un blocco navale, l'arrivo delle merci coloniali fra cui lo zucchero di canna. Sulla spinta della necessità, gli europei si adoperano per trovare un'alternativa. Nel 1747 lo scienziato tedesco Andreas Marggraf dimostrò la presenza di saccarosio nelle barbabietole e, alcuni decenni dopo, il suo allievo Franz Karl Achard ideò un processo industriale idoneo: è a lui che si deve il primo zuccherificio industriale sorto in Slesia nel 1802. Napoleone, stretto dall'assedio navale inglese, incoraggiò la coltivazione in Europa della barbabietola e la produzione industriale dello zucchero, in concorrenza con quello coloniale. Dopo il Congresso di Vienna lo zucchero di canna tornò a circolare, ma l'espansione di quello da barbabietola fu irreversibile. Oggi l'Europa produce 16 milioni di tonnellate di zucchero bianco.

barbabietola da zucchero

Lo zucchero, la cui formula chimica è C12H22O11, è la denominazione comune del saccarosio, disaccaride composto da glucosio e fruttosio. Le barbabietole vengono trasportate presso lo stabilimento, insilate e sottoposte alle operazioni di lavaggio e taglio. Le fettucce ottenute vengono inviate all'impianto di diffusione dove avviene il processo di estrazione dello zucchero. Il sugo grezzo passa alla fase di depurazione, le fettucce esauste vengono essiccate e poi utilizzate nei mangimi. Nel sugo grezzo sono presenti anche sostanze non zuccherine: viene quindi depurato con calce a anidride carbonica (per far precipitare i sali di calcio).

I precipitati contenenti le impurità vengono eliminati, ottenendo così il sugo leggero che viene inviato alla fase di concentrazione (evaporazione). Il sugo denso, ottenuto tramite l'eliminazione dell'acqua, passa alla fase di cottura e di cristallizzazione. Il prodotto risultante viene chiamato massa cotta che viene raffreddata e inviata alle centrifughe per separare lo zucchero dallo sciroppo madre. Lo zucchero ottenuto viene nuovamente sciolto, concentrato e centrifugato fino ad ottenere il prodotto bianco, così come lo conosciamo.

 

 

Share by: